L'edificio, il contesto e il bisogno di estendere la casa

Sul tetto piano di un edificio di tre piani di Rotterdam è stato realizzato un sopralzo, che ha premesso di ampliare un edificio storico e ha regalato nuovo spazio abitabile alla giovane famiglia che vi abita. La soluzione ha anche permesso di sfruttare uno spazio precedentemente non utilizzato, senza toglierne di nuovo alla città e risparmiando sui costi di acquisto.

Molti dei recuperi ad uso abitativo dell’ultimo piano sono generalmente realizzati per due ragioni: bisogno di spazio abitabile aggiuntivo e desiderio di vivere o lavorare godendo della vista panoramica sui tetti della città, beneficiando della luce naturale.
Didden Village si trova a Rotterdam, è stato pensato in quest’ottica ed è il primo progetto portato a termine dallo studio MVRDV Architecture.
Si trova a Beatrijsstraat, una tranquilla strada residenziale poco lontana dalla stazione ferroviaria della città. Si tratta della sopraelevazione di una tipica casa in linea dell’inizio del XX secolo, che sorge in una zona di case a due o tre piani con le facciate di mattoni.
I bombardamenti del maggio 1940, che distrussero gran parte del centro di Rotterdam, fortunatamente non toccarono questa zona.
Didden Village è alla fine della strada e si può riconoscere facilmente anche da lontano: si trova all’ultimo piano di uno di questi edifici e si distingue per il particolare colore azzurro cielo con cui è stato dipinto. Il committente è il noto costumista teatrale Sjoerd Didden, che vive nell’edificio in mattoni sottostante, composto di tre piani, insieme alla sua famiglia di quattro persone. I due piani inferiori dell’edificio, piano terra e piano primo, ospitano lo studio di Didden. La famiglia inizialmente viveva al secondo piano, in un ampio open space. Con il tempo, però, il secondo piano è diventato troppo piccolo per le esigenze della famiglia. Così Winy Maas di MVRDV Architecture, un conoscente dei Didden, ha proposto di ampliare la casa in altezza, per riuscire a soddisfare le nuove esigenze di spazio sopraggiunte.

Guadagnare spazio abitabile senza rubare nuovo spazio alla città

Didden Village offre ulteriore spazio abitabile alla famiglia: le tre casette sul tetto sono diventate le stanze da letto dei figli e sono collegate all’appartamento sottostante. Didden Village funziona come un piccolo villaggio, con vicoli e cortili attrezzati con panchine, fioriere, tavoli e una piccola piscina.
I parapetti che lo delimitano sono piuttosto alti e creano la privacy necessaria. Gli architetti hanno deciso di dipingere tutta la superficie di colore azzurro cielo, caratteristica che rende riconoscibile l’edificio anche da lontano e che crea un forte contrasto con gli edifici di mattoni.
Addirittura le cornici delle ampie finestre per tetti sono dipinte di azzurro.
Le finestre in copertura lasciano entrare la luce zenitale a illuminare naturalmente le stanze. Tre ulteriori aperture nel parapetto permettono di godere della vista sulla strada.
Secondo gli architetti, l’estensione della casa della famiglia Didden può essere vista come un prototipo per un’ulteriore densificazione della città esistente. Il potenziale offerto dai tetti piani esistenti a Rotterdam era già stato notato da altri – non ultimo lo studio Korteknie Stuhlmacher Architekten che ha realizzato il Parasite Las Palmas sul tetto di un vecchio magazzino.
Non è ancora chiaro quanto tempo dovrà passare prima che progetti di questo tipo, intenzionalmente provocativi, possano portare all’uso degli spazi inutilizzati. In ogni caso questo intervento è stato utile sia al suo proprietario che a Rotterdam: il primo non ha dovuto pagare per l’acquisto di un nuovo terreno e la città ha risparmiato spazio.

DAYLIGHT VISUALIZER

Software per il calcolo della luce naturale, in grado di simularla nella sua complessità e in tutte le variabili correlate.

scopri di più »
ARTICOLI CORRELATI
infill_housing11

Infill housing

12/10/2012
continua »
energy_plus_14

Energy Plus House

28/09/2012
continua »
loft_urbano_3

Un loft urbano

27/09/2012
continua »