Il complesso

Funkismore è un complesso di social housing residenziale e commerciale situato nel centro di Copenhagen, sulla sponda del lago di Sortedam.

L’edificio contiene appartamenti di piccola taglia, per famiglie e studenti. Il piano terreno ospita invece negozi e servizi per la collettività. La copertura a grandi falde inclinate rievoca le tradizionali abitazioni urbane danesi, e la grande serra rivolta a sud rappresenta un ampio spazio pubblico coperto, fruibile durante tutto l’arco dell’anno.
Oltre alla condivisione dei servizi, anche la personalizzazione dell’edificio da parte degli utenti diventa chiave di lettura per il tema del social housing: uno dei fronti rivolti ad ovest è pensato come ampia superficie libera, a disposizione dei proprietari per realizzare murales e altre installazioni artistiche; le altre facciate sono caratterizzate da pannellature metalliche di vari colori e le diverse unità residenziali sono quindi contraddistinte fin dall’esterno e identificabili con facilità.

Funzione e partecipazione

Tutte le scelte progettuali sono spinte dalla volontà di fornire spazi efficienti e funzionali (in danese funkis), favorendo la socializzazione e la condivisione degli ambienti collettivi. La piazza coperta , che dà accesso all’edificio, raduna in sé una serie di funzioni al servizio degli abitanti e della cittadinanza: un giardino con area gioco, un deposito biciclette, una lavanderia, un minimarket, una caffetteria. Su questo grande spazio pubblico  affacciano i ballatoi di distribuzione agli appartamenti, sospesi alla copertura mediante tiranti d’acciaio. Dal ballatoio del primo livello si accede inoltre a una passerella sopraelevata che conduce al fronte lago, con una piccola piattaforma  panoramica. Anche la distribuzione interna degli appartamenti ricalca l’impostazione degli spazi esterni: zona giorno lungo il lato sud, affacciata sul giardino coperto, zona notte e spazi di servizio lungo il lato nord. Gli alloggi per studenti condividono un ampio ambiente soggiorno-cucina situato al livello sommitale e rivolto verso la laguna.

La serra solare

Elemento connotante dell’intero progetto è dunque il grande spazio vetrato sul fronte sud. Oltre a rappresentare un elemento di protezione e separazione rispetto al traffico cittadino, esso contribuisce in maniera determinante al comfort termico e visivo dell’edificio. Le grandi superfici vetrate, costituite da serramenti ad elevate performance, massimizzano i guadagni termici solari invernali, generando una zona buffer tra l’ambiente esterno e gli appartamenti; la ventilazione naturale, resa possibile dai lucernari VELUX posizionati sulla copertura, garantisce un notevole benessere termico anche durante la stagione estiva. L’equilibrio igrotermico è inoltre favorito dalla presenza della vegetazione all’interno dell’edificio.
Un ottimo livello di illuminamento all’interno degli appartamenti è raggiunto sfruttando l’ampia copertura a falde e le schermature in facciata, per la filtrazione e diffusione della radiazione solare incidente: le superfici di copertura rivolte a nord sono realizzate mediante pannelli in policarbonato traslucido, che favoriscono l’ingresso di luce zenitale; la facciata sud è protetta da tendaggi in fibra di poliestere riciclata.

Tecnologie d'involucro

Il particolare contesto climatico in cui si inserisce il progetto, ha richiesto l’adozione di innovative soluzioni di involucro. Le chiusure verticali sono realizzate secondo una tecnologia stratificata a secco: l’abbinamento di differenti materiali isolanti, (poliestere, fibra di legno, poliuretano) consente di raggiungere ottime prestazioni di contenimento delle dispersioni termiche (trasmittanza della chiusura verticale principale U = 0,095 W/m²K). Inoltre, l’abbinamento di materiali a differente densità contribuisce all’isolamento acustico dell’ambiente.
Le chiusure trasparenti in facciata sono caratterizzate da serramenti in alluminio a taglio termico con triplo vetro, mentre i lucernari in copertura sono costituiti da finestre VELUX modello GGL  con apertura elettrica.
Le ottime prestazioni dell’involucro si combinano con sistemi impiantistici ad alta efficienza: gli appartamenti sono climatizzati mediante impianti di riscaldamento a pannelli radianti, abbinati a pompe di calore con sonde geotermiche; il ricambio d’aria è garantito dall’impianto di ventilazione meccanica con recuperatore di calore.

Autonomia energetica

Le ottime performance di isolamento termico e sfruttamento dei guadagni solari consentono di minimizzare l’apporto energetico necessario per il funzionamento dell’edificio. Questa strategia di abbattimento dei consumi è abbinata ad un ampio ricorso ad impianti per la produzione di energia tramite fonti rinnovabili. Le falde della copertura orientate verso sud sono attrezzate mediante pannelli fotovoltaici e moduli solari termici; la passerella che dalla serra conduce alla riva del lago è sostenuta da pilastri in acciaio alla cui sommità sono installate micro turbine eoliche ad asse verticale, che sfruttano l’ingente ventosità del sito di progetto. In questo modo, si rende disponibile una quantità di energia sufficiente a coprire l’intero fabbisogno dell’edificio  in termini di illuminazione, climatizzazione ed acqua calda sanitaria.
Il contenimento delle risorse naturali utilizzate sta anche alla base della gestione degli spazi comuni: l’area giardino è irrigata con acqua meteorica convogliata dalle falde di copertura e accumulata in serbatoi interrati.

AUTORE
avatar

Mauro Maggioni, Matteo Novati, Davide Sironi
Laureati presso il Politecnico di Milano, corso di Progettazione e Innovazione Tecnologica tenuto ...
tutti gli articoli »

ENERGY INDOOR CLIMATE VISUALIZER

Software per simulazioni energetiche che utilizza il motore di calcolo IDA ICE di EQUA Simulation AB.

scopri di più »
ARTICOLI CORRELATI
infill_housing11

Infill housing

12/10/2012
continua »
energy_plus_14

Energy Plus House

28/09/2012
continua »
social_housing_1

Social housing ad alta efficienza energetica

28/06/2012
continua »