Riccardo Accetti
09/05/2011 - 5 commenti

E’ sufficiente rispettare solo i rapporti aeroilluminanti per soddisfare i requisiti igienico-sanitari nei locali?

Il Decreto del M.S. del 05/07/75 art.5 dispone che “tutti i locali degli alloggi,tranne vani scala, ripostigli …, devono fruire di illuminazione naturale diretta adeguata alla destinazione d’uso. L’ampiezza delle finestre deve essere proporzionata in modo da assicurare un fattore medio di luce diurna non inferiore al 2% e comunque la superficie apribile non dovrà essere inferiore a 1/8 della superficie del pavimento”.

Una cattiva interpretazione di tale norma ha diffuso l’opinione che la proporzione di 1/8 tra le finestre e la superficie calpestabile sia sufficiente a garantire un adeguato illuminamento degli ambienti a prescindere dal Fattore medio di luce diurna ottenuto. La norma dice invece una cosa molto diversa: il soddisfacimento del 2% è prioritario e non è assolutamente legato al rapporto di 1/8 che rappresenta invece solo la superficie minima.

E’ opportuno dimostrare il valore del fattore di luce diurna medio nel contesto progettuale, tenendo conto che i livelli di prestazione rilevati non dovranno essere peggiorativi dei valori prescritti dal decreto.

Per farlo scarica e inizia a progettare con il VELUX Daylight Visualizer. Clicca qui.

La Newsletter di LUCENERGIA

Per essere sempre aggiornato sulla progettazione con la luce naturale. Per scoprire nuovi modelli di housing. Per progettare l'innovazione. E molto altro ancora.

Software VELUX

VIZ EIC

5 commenti per VIZ e fattore medio di luce diurna

  1. Marco ha scritto:

    Bell’articolo, bravi.

  2. FRANCESCO VENDRAMIN ha scritto:

    giusto

  3. alessandro ha scritto:

    Ottimo!

  4. Carlo Bughi ha scritto:

    L’importazione dei dati dxf e skp credo che non funzioni bene.

    • Riccardo Accetti ha scritto:

      Ciao Carlo,
      per dialogare correttamente con il VELUX Daylight Visualizer è opportuno che il file in partenza (modellato in 3d con altro software) abbia tutti i layers ordinati secondo gli elementi costruttivi del modello (ad esempio layer pavimento, muri, vetro, soffitto, ecc…). I layers risulteranno quindi elencati all’interno del Visualizer e saranno pronti per essere personalizzati per lo studio illuminotenico e/o rendering.

Lascia una risposta a alessandro Cancella la replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.